È un’intervista a tutto campo quella di mons. Henryk Hoser – visitatore apostolico di carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje – rilasciata al sito ufficiale della Parrocchia di San Giacomo.

Un’intervista in cui l’alto prelato ripercorre anche i suoi ricordi legati a Giovanni Paolo II e a Fatima.

Medjugorje oggi sta vivendo un momento molto particolare.

Forse, ma è solo una mia opinione, anche per quello che ormai si vocifera circa i Dieci segreti di Medjugoje di cui parla il Dossier Vaticano segreto che ho pubblicato in versione cartacea e anche in versione Kindle.

Mons. Hoser nella sua intervista ha definito questa situazione di emergenza legata alla diffusione del Covid-19 come “un’enorme umiliazione per coloro che sembravano governare il mondo, per coloro che hanno creato, oggi l’unica ideologia importante di questo mondo, e questa è l’ideologia del profitto, il profitto era l’obiettivo dell’intera economia mondiale, riguarda grandi imprese che dominavano i governi statali e i singoli paesi e tutto questo, per così dire, è crollato”.

“Non ci sono ostacoli – ha aggiunto – nell’organizzazione di pellegrinaggi a Medjugorje a cui possono partecipare tutte le categorie di persone che compongono la Chiesa, a partire dalla gerarchia, la più alta gerarchia di cardinali, arcivescovi, vescovi, sacerdoti di tutto il mondo, ma anche persone che possono venire in questo luogo senza preoccupazioni”.

Infine il prelato si è detto incerto circa il futuro del Festival dei Giovani di quest’anno.

Per saperne di più e iscriviti al mio canale Youtube.

L’intervista integrale la puoi leggere qui.

©David Murgia

SOSTIENI IL BLOG SEGNO DI GIONA

Se puoi, fai una donazione per sostenere l’informazione libera e indipendente. Sostieni questo Blog. Sostieni Il Segno di Giona: OFFERTA LIBERA IBAN: IT14T36000032000CA005372161

€5,00