Ed eccoli che sono arrivati. Meno male. Le imprese edili stanno brindando. Perché in effetti la costruzione del nuovo Tempio dei seguaci della “Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni” (Mormoni) a Roma – il centro di culto più grande d’Europa – è una vera e propria boccata d’ossigeno per gli addetti alle costruzioni. Oltre 60mila metri quadri per edificare un’astronave alta 43 metri. Sorgerà a Settebagni. A soli 18 chilometri dalla basilica di San Pietro. Sarà pronto tra 12 mesi. Per la gioia dei 2mila mormoni presenti a Roma.

D’altronde i soldi non mancano mai. La “Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni” è infatti una delle più ricche organizzazioni religiose (mormone era il candidato repubblicano alla Casa Bianca Mitt Romney battuto da Barack Obama). I mormoni seguono costumi e precetti molto rigidi. Sono dei veri e propri puritani, nel senso che non possono bere né tè né caffè. E’ vietato fumare o bere alcol. Vietatissima la droga. Hanno un proprio rituale che – per lo studioso Michael W. Homer – è ampiamente derivato da quello massonico. Solo una leggenda (che importa se Joseph Smith, fondatore del Mormonismo era un alto esponente della Massoneria americana)?

Di certo quello che sappiamo è quello che dice, in modo ufficiale, la Chiesa Cattolica a proposito di un rituale ben preciso praticato anche dai Mormoni. Parliamo del Battesimo. A questo proposito la Congregazione per la Dottrina della Fede, guidata allora dal cardinale Ratzinger, ha stabilito che il battesimo amministrato dai Mormoni non è valido. E quindi chi di loro si converte al cattolicesimo deve essere ribattezzato da capo. Come è possibile? Una nota dell’ “Osservatore Romano” del 16 luglio 2001 chiarisce che le differenze tra il cattolicesimo e i Mormoni “sono talmente grandi che non si può nemmeno considerare la dottrina dei mormoni un´eresia cristiana”. “Per i mormoni – si legge – la Trinità sono tre dèi, dei quattro responsabili dell´universo, che un giorno decisero di unirsi e formare la divinità. Dio Padre è un uomo esaltato, oriundo di un altro pianeta. Ha avuto dei parenti. Ha una moglie, la Madre celeste. Procreano dei figli. Il loro primogenito è Gesù Cristo. Anche lo Spirito Santo è figlio di genitori celesti”.

Ma non finisce qui. Nel libro “Perla di Gran Prezzo” – uno dei testi considerati sacri e scritti – dicono sotto illuminazione – dal fondatore Joseph Smith si legge come Dio Padre era un uomo progredito fino a diventare Dio, da una unione carnale con Maria e altre donne. Ebbe numerosi figli. Il primogenito fu Gesù Cristo, uno degli altri figli fu Lucifero.

Quindi Gesù è il fratello di Satana?

Certo è che per quanto concerne la pratica dello spiritismo nella “Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni” alcune testimonianze non lasciano dubbi: il contatto con i morti gioca un ruolo importante. Sia Smith che altri dirigenti dopo di lui dicevano di essere in contatto regolare con il mondo degli spiriti. Addirittura un anziano di nome Parley Pratt nel 1853 racconta che i primi mormoni accettavano Smith come un medium “divino”. Walter Martin, studioso di religioni, ha osservato che “ciò di cui la maggio parte dei Mormoni non si rende conto è il fatto che Joseph Smith era un occultista ( lui esteso ha dichiarato di aver ricevuto la sua prima visita sovrannaturale da parte di “angeli” quando aveva 14 anni) e che il mormonismo ha origine occulte”.

Di recente mi è stata inviata una testimonianza di un ex mormone. Era molto interessante. Appena la ritrovo la verifico e la pubblico. E’ una promessa.