L’hanno nascosta così bene che per trovarla ci ho impiegato una mezza mattinata. Parlo della tomba di don Gabriele Amorth che è tumulato in un cimitero. La Società San Paolo – la congregazione religiosa a cui don Gabriele apparteneva – non ha voluto indicare quale cimitero ospita il sepolcro dell’esorcista più famoso del mondo scomparso a settembre del 2016. E ha fatto benissimo. C’è il rischio (reale a mio giudizio) che qualche satanista – o presunto tale – possa oltraggiarla. E poi c’è sempre il pericolo di qualche pazzo pronto a tutto per avere un attimo di gloria. Quindi meglio non dire nulla.

E questa soluzione ha funzionato. Tanto che anche io per trovare il cimitero ci ho messo tantissimo. E’ stata una ricerca faticosa.

Quando si parla di don Amorth c’è sempre il rischio di sollevare un vespaio. Per esempio, qualche malizioso mi sollecita anche un’altra spiegazione (ai confini con la fantasia) per la questione del cimitero: Non si dice in quale cimitero è sepolto don Amorth per evitare un lungo ed interrotto via vai sulla sua tomba. Insomma si sono voluti evitare quegli atteggiamenti da “santo subito”. Anche perché – sempre lo stesso malizioso mi dice  – dove don Gabriele ha esercitato per oltre 40 anni (nella casa Paolina sulla Cristoforo Colombo a Roma) c’era anche una chiesa e forse la soluzione più logica poteva essere quella di seppellirlo al suo interno.

Ma sono solo malelingue. E poi si sa che la realtà è sempre diversa da come uno se la immagina. Poi figurati come vanno le cose quando si tratta di qualcuno che ha lottato contro il diavolo per tutta la vita.

Torniamo così alla nostra tomba. Dopo una lunga ricerca finalmente trovo il cimitero che mi interessa. È gigantesco. Non so a chi chiedere informazioni e quindi decido di trovare la tomba di don Gabriele da solo. Dopo circa 3 ore non riesco a trovarla. Chiamo un amico e grazie ad una videochiamata mi indirizza più o meno nella zona interessata (estesa quasi come un quartiere di una città).

02 tomba amorth0

Una volta trovata resto di sasso. L’emozione di aver ritrovato il vecchio amico scompare subito. Guardo questo grande sarcofago (nelle immagini che vi mostro in anteprima tratte dal cortometraggio su don Amorth che stiamo preparando) e rabbrividisco. La tomba custodisce  12 religiosi defunti della Società San Paolo. E don Amorth è sepolto insieme a 11 suoi confratelli.

La cosa che mi rattrista moltissimo (a don Gabriele ho voluto molto bene) è la totale mancanza di cura per la tomba. Un tomba circondata da erbacce, terriccio e insetti. Situata vicino a una rete di ferro sgangherata. Nel completo anonimato. Nella completa desolazione (ovviamente non è colpa della Società San Paolo).

Ma il decoro dei cimiteri a chi compete?

Ho quasi pianto.

Triste destino per chi, qui in terra, ha scaccaiato il Diavolo.