Sollecitato da molte mail e troppe telefonate, continuo a occuparmi di profezie in questo tempo di Coronavirus.

E lo voglio fare – dopo una lunga chiacchierata con persona esperta – mettendo in relazione questo momento drammatico per noi – per colpa del Covid19 – e le presunte profezie (vere o false) attribuite a santi e mistici.

Certo tutto fa pensare (ma è anche molto facile fare una semplice associazione di idee) che questo momento terribile sia in relazione con la fine di questo momento storico e l’inizio di un altro che – dal punto di vista religioso – sarà più prospero o addirittura salutato dal Trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

Certo con quello che ora sappiamo su Medjugorje, con la pubblicazione del Dossier vaticano segreto (vedi qui per la versione digitale e qui per quella cartacea), e la profezia dei Tre giorni di buio tutto sembra coincidere.

Ma appunto ora si aggiunge un nuovo tassello.

Cioè per qualcuno quello che stiamo vivendo sono semplicemente (si fa per dire) le 10 piaghe d’Egitto, ovvero le punizioni che – secondo l’Esodo, un libro dell’Antico Testamento – Dio avrebbe inflitto agli Egiziani affinché Mosé potesse condurre il popolo ebraico fuori dalla schiavitù.

In effetti questo è anche il significato di questi giorni, cioè della Pasqua ebraica: il passaggio dalla schiavitù alla liberazione.

Ebbene ora – secondo alcuni – noi ci potremmo trovare alla  nona piaga: Le Tenebre.

Mi spiego meglio.

Le piaghe che precedono l’arrivo delle tenebre – secondo i sostenitori di questa teoria – si sarebbero già verificate nel mondo. Basta pensare che l’ottava piaga – invasione di cavallette e locuste – si sta avverando da gennaio scorso quando oltre 10 miliardi di cavallette e locuste hanno invaso l’Africa con un rischio mortale per circa 25 milioni di persone.

Mentre per la pioggia di fuoco e di ghiaccio (settima piaga) si veda quello che è successo qualche giorno fa in Arabia Saudita.

E per le altre piaghe potete vedere qui.

E dunque torniamo alla nona piaga.

Come al solito riporto integralmente quanto scritto nell’Esodo lasciando a ognuno la propria valutazione e in caso fare le opportune comparazioni con la profezia dei Tre Giorni di Buio.

Poi il Signore disse a Mosè: «Stendi la mano verso il cielo: verranno tenebre sul paese di Egitto, tali che si potranno palpare!».  Mosè stese la mano verso il cielo: vennero dense tenebre su tutto il paese d’Egitto, per tre giorni.  Non si vedevano più l’un l’altro e per tre giorni nessuno si potè muovere dal suo posto. Ma per tutti gli Israeliti vi era luce là dove abitavano.

E cosa dobbiamo aspettarci dopo?

La decima piaga è la morte dei primogeniti maschi.

Per saperne di più, iscriviti al mio canale Youtube.

©David Murgia

SOSTIENI IL BLOG SEGNO DI GIONA

Se puoi, fai una donazione per sostenere l’informazione libera e indipendente. Sostieni questo Blog. Sostieni Il Segno di Giona: OFFERTA LIBERA IBAN: IT14T36000032000CA005372161

€5,00