“Sono ormai 40 anni che ci sono controversie sul tema Medjugorje, relative alla questione delle apparizioni ma anche per quanto riguarda l’attività pastorale”. Lo ha affermato mons. Henryk Hoser, visitatore apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje, durante la conferenza stampa di apertura del tradizionale Festival dei giovani, inaugurato il 1° agosto. Secondo il visitatore apostolico in carica da due anni, “l’approccio della Santa Sede nei confronti di Medjugorje è molto buono e positivo ma la Chiesa agisce in modo tranquillo e piano piano”. “Medjugorje di fatto è un ‘santuario internazionale’ – ha ritenuto – però giuridicamente ancora siamo solo parrocchia e non abbiamo il titolo di santuario, né nazionale, né internazionale”. A suo avviso, “la situazione sta migliorando sempre di più e una prova di questo è anche la sua presenza”. “A rendere la situazione più buona contribuirà anche il nuovo vescovo di Mostar, mons. Petar Palic”. Medjugorje, infatti, appartiene al territorio della diocesi di Mostar-Duvno di cui fino a qualche mese fa ne era vescovo mons. Peric, feroce contestatore del fenomeno Medjugorje.

Lo stesso documento segreto pontificio – redatto dalla Commissione Internazionale – che ho pubblicato– per la prima volta in assoluto – nel volume Rapporto su Medjugorje  in versione cartacea e anche in versione Kindle – consigliava al Santo Padre di trasformare la parrocchia di San Giacomo a Medjugorje in un santuario internazionale alle dirette dipendenze della Santa Sede e del Papa (come Pompei o Loreto).

E nonostante il Coronavirus il 31simo Festival dei giovani si sta svolgendo regolarmente. E per l’occasione Papa Francesco quest’anno ha inviato un messaggio speciale proclamato dal nunzio in Bosnia-Erzegovina, mons. Luigi Pezzuto.

Qualcosa sta davvero cambiano nel paese della Gospa.

Per saperne di più iscriviti al mio canale Youtube.

©David Murgia

SOSTIENI IL BLOG SEGNO DI GIONA

Se puoi, fai una donazione per sostenere l’informazione libera e indipendente. Sostieni questo Blog. Sostieni Il Segno di Giona: OFFERTA LIBERA IBAN: IT14T36000032000CA005372161

€5,00